Io amo Campobasso: «Vediamo di fare finalmente i conti»

Politica
domenica 28 aprile 2019
di La Redazione
Io amo Campobasso: «Vediamo di fare finalmente i conti»
Io amo Campobasso: «Vediamo di fare finalmente i conti» © Campobassoweb

CAMPOBASSO. Riceviamo e pubblichiamo il seguente comunicato del movimento civico "Io amo Campobasso", che concorre alle prossime elezioni amministrative a Campobasso con il candidato sindaco Paola Liberanome:

"Nel corso degli anni le Amministrazioni comunali si sono viste costrette a subire ed affrontare il susseguirsi di tagli ai trasferimenti operati dal governo centrale agli enti locali. La riduzione dei trasferimenti e quindi delle risorse a disposizione del Comune è stata di conseguenza, negli anni passati, la principale giustificazione al fallimento dell'attività amministrativa e causa del continuo ridimensionamento dei servizi territoriali già di per sé inefficienti e inefficaci. Contemporaneamente alla riduzione delle risorse economiche si è però assistito anche ad un drammatico scollamento tra gli aspetti economici e il benessere sociale. Vale certamente per tutte le città d’Italia, ma a Campobasso tale distanza è oltremodo evidente. Piangersi addosso però non può bastare, bisogna necessariamente invertire la rotta! Io Amo Campobasso ritiene, ad esempio, che i servizi alla persona debbano considerarsi essenziali e prioritari per la città, con particolare riguardo alle persone fragili, come disabili, anziani, bambini e cittadini in difficoltà economiche per ragioni evidentemente indipendenti dalla loro volontà. Allora è necessario adoperarsi e mettere in campo ogni azione per una maggiore efficienza, efficacia ed economicità della gestione relativa al settore, con particolare riguardo alla razionalizzazione delle spese.

Questo significa inevitabilmente partire da un’analisi del Bilancio comunale, da cui emergono diverse criticità. Per fare un esempio di facile comprensione, la presenza in Bilancio di residui (crediti e debiti del Comune) vetusti, o inesistenti, che con grande probabilità non si trasformeranno in disponibilità finanziaria, determina un differimento non giustificato di un eventuale avanzo di gestione che, se anche nell'immediato ristabilisce un equilibrio di bilancio e una capacità di spesa (fittizia), nel lungo termine, potrebbe facilmente determinare il dissesto finanziario dell'amministrazione. Sarà necessario ed urgente quindi effettuare una ricognizione ed una riqualificazione delle posizioni debitorie e creditorie dell'amministrazione: riconoscere le criticità, rideterminare l'equilibrio di Bilancio dei conti del Comune e delle società partecipate nell'ottica di una razionalizzazione e ottimizzazione della gestione sulla base dei criteri di efficacia, efficienza ed economicità. Altro tema importante, per far fronte alle problematiche conseguenti alla riduzione dei trasferimenti agli enti pubblici da parte del Governo centrale, sarà il potenziamento della lotta all'evasione tributaria, nel rispetto del principio di contribuzione ed equità.

L’effettiva riscossione dei tributi da parte del Comune è un problema storico da affrontare, visto anche che tali introiti costituiscono una parte consistente delle entrate comunali. La ricostruzione dell'anagrafica tributaria è una priorità, prerequisito affinché la lotta all'evasione possa diventare realtà, mettendo in campo azioni concrete di incrocio dei dati, effettuando verifiche e diffondendo una “cultura della contribuzione” necessaria per l'auspicata inversione di rotta. Un capitolo a parte riguarda la partecipazione azionaria pubblica in società che deve rappresentare una strategia di governo indirizzata a beneficio della cittadinanza. Il Comune di Campobasso detiene partecipazioni azionarie nella S.E.A. Servizi ed ambiente S.P.A. per una quota del 100% e nella Banca Popolare delle Province Molisane S.c.a.p. a r.l. per una quota dello 0,37%"