Il mondo della scuola si prepara alla protesta: il 17 maggio si sciopera

Lavoro ed economia
Campobasso mercoledì 17 aprile 2019
di La Redazione
L'attivo sindacale sulla scuola
L'attivo sindacale sulla scuola © Iserniaweb.it

CAMPOBASSO. Si è svolto ieri nell’aula magna dell'istituto Pertini a Campobasso l’attivo unitario delle Rsu e degli organismi dirigenti Flc-Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola Rua. Sono intervenuti delegati provenienti da tutte le scuole del Molise, rappresentanti degli studenti e delle associazioni che hanno condiviso le motivazioni della mobilitazione, che durerà un mese e condurrà allo sciopero generale della categoria, indetto per il prossimo 17 maggio.

In tutti gli interventi si è manifestato il netto dissenso nei confronti del progetto di autonomia differenziata, figlio di una visione egoista e autoreferenziale della crisi che rischia di abbattersi come un autentico terremoto sull’intero comparto dell’istruzione e ricerca.

I lavoratori della scuola non voglio la regionalizzazione della scuola, ma chiedono con forza il rinnovo del contratto, il consolidamento degli organici, la stabilizzazione del personale della scuola su tutti i posti disponibili, valorizzazione professionale e condizioni lavorative sostenibili per il personale Ata.

I sindacati regionali, le Rsu gli studenti e il mondo dell’associazionismo molisano hanno pertanto deciso di dare vita insieme ad una mobilitazione che durerà fino al 17 maggio per chiedere investimenti nel settore e fermare un disegno politico disgregatore dell’unità e della coesione sociale del Paese.

Queste le iniziative di mobilitazione concordate: dal 26 aprile al 16 maggio: astensione in tutte le scuole dalle attività non obbligatorie previste dal Ccnl per i docenti ed Ata e raccolta di firme sull’appello contro la regionalizzazione; dal 3 al 14 maggio: campagna di assemblee territoriali che coinvolgeranno tutte le scuole della regione (vedi calendario allegato); dal 28 aprile al 12 maggio: banchetti informativi con raccolta firme sull’appello contro la regionalizzazione nelle piazze dei principali centri molisani; venerdì 17 maggio sciopero generale di tutto il comparto Istruzione e Ricerca.

L’istruzione deve rimanere un sistema nazionale e non crediamo che i problemi si risolvano con il passaggio di competenze alle singole regioni. Regionalizzare la scuola significa frantumare il paese: ci opporremo in ogni modo a questo scellerato progetto.