Scrivere false recensioni è reato

Cronaca
Campobasso giovedì 13 settembre 2018
di La Redazione
Più informazioni su
Piatti sulla bilancia
Piatti sulla bilancia © Web

TERMOLI. Slealtà e scorrettezza invadono le strade delle recensioni sul web e c’è chi per averle camuffate e mistificate ora deve rispondere davanti alla giustizia.

Angelici o luciferini nel riportare giudizi sui ristoranti e i locali di somministrazione, per sconti e mance al contrario, oppure per demolire il lavoro altrui, ma ora si arriva anche nell’aula del Tribunale.

Come ha riportato il quotidiano “La Repubblica”, il Tribunale penale di Lecce ha stabilito che scrivere recensioni false nascondendosi dietro altrettanto farlocche identità è un reato. La causa - una delle prime in Italia di questo genere - si è conclusa con la condanna a 9 mesi di reclusione e al pagamento di circa 8mila euro per spese e danni per il proprietario di PromoSalento, un’agenzia che vendeva pacchetti di recensioni false a titolari di ristoranti e hotel in Italia.

Gli addetti ai lavori non additano la responsabilità a TripAdvisor, ma all’uso che il libero accesso consente. A maggior ragione, è stato proprio il sito principe delle recensioni a costituirsi parte civile nel procedimento, che mirava a scoprire e celare chi organizzava queste vere e proprie catene di giudizi mistificatrici, partendp proprio da una inchiesta interna al portale.

«Crediamo che si tratti di una sentenza storica per Internet – ha commentato nella nota pubblicata dal quotidiano diretto da Mauro Calabresi, Brad Young, vice presidente e Associate General Counsel di TripAdvisor -. Scrivere recensioni false ha sempre rappresentato una violazione della legge ma questa è la prima volta che, come risultato, il truffatore è stato mandato in prigione. Investiamo molto nella prevenzione delle frodi e siamo efficaci nell'indivduarle: dal 2015 abbiamo bloccato le attività di più di 60 aziende di recensioni a pagamento nel mondo. Ma non possiamo fare tutto da soli ed è per questo che desideriamo collaborare con le autorità competenti e le forze dell'ordine per supportare i loro procedimenti penali»