Ansia per il “Lupo”, De Chirico (M5S): “C’è bisogno urgente di risorse, la passione non è svanita”

Il portavoce del M5S: “Al Presidente della Regione Toma chiedo di dare attenzione e trasmettere questa urgenza”

Calcio
Campobasso martedì 10 luglio 2018
di La Redazione
Più informazioni su
Stadio Selvapiana, Campobasso
Stadio Selvapiana, Campobasso © Passione Rossoblù

CAMPOBASSO. Il destino del Campobasso Calcio è appeso a un filo. La mobilitazione dei tifosi rossoblu in questi ultimi giorni di attesa e incertezza sembra aver ridato speranza a una situazione delicata. Sul complicato momento, sportivo e societario, del “Lupo” è intervenuto anche Fabio De Chiruco, consigliere regionale del Movimento 5 Stelle:

«Non si vive di soli ricordi, ma quando si parla del Campobasso sembra essere così. La passione sportiva che ho visto vivere dalla città negli anni 80 non è svanita nel nulla. Quell’attaccamento ai colori rossoblu non si è infranto oggi in un muro di indifferenza. E gli imprenditori molisani di oggi, allora in erba, non hanno dimenticato l’enorme portata economica e sociale che può avere una squadra di calcio molisana a certi livelli».

«C’è un bisogno urgente ora, in pochi giorni, trovare le risorse per il costo dell'iscrizione della squadra alla categoria - ha detto De Chirico - E poi ovviamente le risorse più onerose per la gestione generale della società. Niente comunque che sia insostenibile per dieci benedetti imprenditori di buon animo che vogliono svegliare l'orso che dorme e ricreare un fenomeno sociale, non solo sportivo, ormai sopito. A voi dieci idealmente chiedo un segnale di passione e coscienza e di chiamare subito chi è ancora il referente del progetto. Più concretamente proverò a contattare qualcuno di voi personalmente».

Un appello rivolto anche al presidente della Regione Molise, Donato Toma:

«Al Presidente della Regione Toma, semplicemente in qualità di campobassano e profondo conoscitore del tessuto imprenditoriale della zona, chiedo di dare attenzione e trasmettere questa urgenza. Volendo potrebbe cominciare con i diciannove imprenditori molisani che lo stanno accompagnando oggi nella “missione economica” in Albania. Mettiamo in salvo il patrimonio Campobasso calcio».