Nessuna “Giunta stretta”, saranno 5 gli assessori. Le nomine ai più votati

Politica
Campobasso martedì 15 maggio 2018
di La Redazione
Palazzo D’Aimmo
Palazzo D’Aimmo © Campobassoweb

CAMPOBASSO. Prima l’anticipazione, poi il passo indietro. Donato Toma non è riuscito ad imporre la sua linea sulla formazione della nuova Giunta regionale: l’ipotesi di una “composizione stretta” - formalizzata dallo stesso neo-governatore nella mattinata di ieri - è definitivamente tramontata, probabilmente a causa delle divergenze riscontrate nel corso del prolungato incontro tra il presidente e gli esponenti della nuova maggioranza di Palazzo D’Aimmo.

Non ci sarà una Giunta a tre, dunque, come da pronostico, ma saranno cinque gli assessori a comporla: i nomi, con ogni probabilità, dovrebbero essere quelli dei consiglieri più votati nell’ultima tornata elettorale del 22 aprile scorso. Decisamente improbabile, a questo punto, la presenza di un assessore esterno.

Tra i papabili ecco dunque i nomi di Nicola Cavaliere (Forza Italia), già assessore all’agricoltura, e Vincenzo Cotugno (Orgoglio Molise), ex presidente del Consiglio regionale nella consiliatura targata Frattura.

Altro “volto noto” pronto ad approdare in Giunta dovrebbe essere Vincenzo Niro (Popolari per l’Italia), spinto dal “pieno” di voti conseguito alle scorse regionali.

La “quota rosa” andrà con ogni probabilità ad Aida Romagnuolo (Lega), mentre la new-entry porta il nome di Roberto Di Baggio (Forza Italia), anche lui pronto a far parte dell’esecutivo. Attorno alla designazione della leghista di Casacalenda, in particolare, si erano susseguite nelle ultime ore voci di presunte “pressioni” esercitate su Toma da chi avrebbe gradito la nomina di Luigi Mazzuto, in qualità di assessore esterno, per il “Carroccio”.

Ci sarebbe convergenza, tra gli esponenti della maggioranza, anche su Salvatore Micone (Udc); ipotesi, questa, che metterebbe fuori gioco, per la corsa ad un posto in Giunta, Quintino Pallante (Fratelli D’Italia).

Dato l’impegno odierno, a Roma, per il Def 2018, Toma ufficializzerà le nomine domani, nel corso di una conferenza stampa.