Vandali nelle scuole, torna d’attualità il tema della sicurezza

Cronaca
Campobasso mercoledì 11 luglio 2018
di La Redazione
Più informazioni su
Istituto Comprensivo “F. Jovine”, Campobasso
Istituto Comprensivo “F. Jovine”, Campobasso © Campobassoweb

CAMPOBASSO. L’elenco è fitto: dalla scuola di Sant’Antonio dei Lazzari alla “Colozza”, dall’istituto “Marconi” alla “D’Ovidio”, fino alla “Scarano”. La lista degli Istituti oggetto delle barbare incursioni dei vandali di turno si è allungata proprio ieri, dopo l’irruzione che ignoti balordi hanno portato a termine ai danni della “F.Jovine” di via Friuli Venezia Giulia.

Nella notte tra lunedì e martedì, i malfattori hanno forzato un ingresso del plesso, penetrando nella struttura e scassinando la cassaforte. Magro il bottino: all’appello mancherebbero infatti solo un pc e gli spiccioli contenuti nei distributori automatici di bevande e snack.

Sulla vicenda indagano ora i carabinieri di Campobasso: importanti novità investigative potrebbero arrivare proprio nelle prossime ore.

Intanto, però, il dibattito si è spostato sulla questione sicurezza e sull’indisponibilità tecnica di gran parte delle telecamere implementare in città negli ultimi mesi. Ci sono, pronte per essere usate, ma non sono ancora attive. Un deterrente, cioè, al momento privo di qualunque potere.

Da Palazzo San Giorgio fanno sapere che ci vorrà ancora un po’ di tempo, poco più di un mese all’incirca, per efficientare la videosorveglianza cittadina. Nelle prossime settimane sarà completata l’installazione degli ultimi “occhi elettronici” e per settembre 2018 il sistema dovrebbe partire a pieno regime.

Appena in tempo, si spera, per l’inizio del nuovo anno scolastico.